Dangling modifier: i modificatori fuori posto

Un modificatore serve a chiarire, descrivere, o aggiungere dettagli in relazione a un referente:
1 Alert and cooperative, the patient had severe injuries all over his body. 2 After finishing a scenario, participants completed an after-scenario questionnaire. 3 Not being accustomed to making an hCG decision based on volume, the clinician had to establish a parametric relationship between mean diameter and volume.
Nelle frasi di esempio, l’elemento modificatore – aggettivale in 1 e proposizionale in 2 e 3 – aggiunge informazioni riguardo alla proposizione principale. Negli esempi 2 e 3, il soggetto implicito della subordinata, ossia il soggetto non espresso, coincide con quello esplicitato nella principale: participants e clinician. Un dangling modifier è un modificatore non connesso sintatticamente all’elemento che intende modificare: si parla in questo caso di modificatore fuori posto o ‘in sospeso’ (dangling vuol dire, appunto, penzolare):
4a Alert and cooperative, the patient’s injuries were nevertheless severe. 5a After inserting the needle into the muscle, the ISM electrode was gradually moved into the muscle tissue. 6a Having removed the needle, the core tissue was put into the tissue-fixation solution.
In 4a, la coppia aggettivale “alert and cooperative” sembra riferirsi alle ferite del paziente (unico soggetto della frase) e non al paziente stesso, come sarebbe logico aspettarsi. Spostando il referente (patient) vicino al modificatore (alert and cooperative), l’ambiguità viene risolta:
4b. The patient was alert and cooperative, but his injuries were severe.
In 5a, il soggetto della proposizione subordinata è chi maneggia l’ago (presumibilmente il chirurgo), mentre quello della proposizione principale è l’elettrodo. Dal punto di vista logico, nessuno penserebbe mai che a rimuovere l’ago sia stato l’elettrodo; dal punto di vista grammaticale, invece… è esattamente quello che c’è scritto. Lo stesso vale per l’esempio successivo. Di nuovo, il soggetto della subordinata non coincide con quello della principale; poiché ci sono due azioni – la rimozione dell’ago e la messa in soluzione del tessuto – e solo un soggetto esplicitato – il tessuto, appunto – quest’ultimo compie grammaticalmente entrambe le azioni, per quanto assurda la cosa possa sembrare logicamente. Per evitare errori, è utile ricorrere all’analisi logica del periodo, ponendosi le seguenti domande: Dopo aver inserito… che cosa? L’ago. Chi inserisce l’ago? Il chirurgo. Dov’è il chirurgo? Se non compare, va inserito:
4b. After inserting the needle into the muscle, the surgeon gradually moved the ISM electrode into the muscle tissue. 5b. After the surgeon removed the needle, the core tissue was put into the tissue-fixation solution.
Volendo, si potrebbero anche usare due coordinate:
4c The surgeon inserted the needle into the muscle and gradually moved the ISM electrode into the muscle tissue. 5c. The surgeon removed the needle and the core tissue was put into the tissue-fixation solution.
La scelta dipende dalla struttura globale del paragrafo: se si sono già usati troppi passivi o se la densità di subordinate è piuttosto alta, la coordinazione contribuirà a snellire il testo, rendendo l’argomentazione più fluida. Riferimenti: Baker, Carl Lee, English Syntax MIT Press, 2005 Palmer, Richard, Write in Style: A Guide to Good English, Routledge, 2002